Agevolazioni Ristrutturazioni igienico sanitarie - ContiCorrenti.com

Agevolazioni Ristrutturazioni igienico sanitarie

PRESTITI AGEVOLATI RISTRUTTURAZIONI IGIENICO SANITARIE


Le ristrutturazioni edilizie godono di alcune detrazioni come quelle sull'imposta Iperf. Per chi intende ristrutturare è prevista una detrazione del 36% sull'Irpef e uno sconto sull'iva che arriva al 10%.


Le stesse agevolazioni sono valide per coloro che stanno ristrutturando le aree in cui sono presenti i servizi igienico-sanitari, in parole povere i bagni.


I soggetti che potranno beneficiare di queste agevolazioni sulle ristrutturazioni igienico-sanitarie sono sia i proprietari degli immobili che coloro che possono avvalersi di diritto sulla proprietà; rientrano in questa categoria i famigliari che dovranno, però, presentare tutta la documentazione prevista come le fatture e i tagliandi dei bonifici effettuati per pagare i lavori. L'asse famigliare valido arriva fino al secondo grado di parentela.



Come ottenere l'agevolazione


Il pagamento, per avvalersi della detrazione, dovrà essere fatto esclusivamente tramite bonifici bancari. Questa procedura è richiesta per evitare che si effettuino dei lavori con frode.


La detrazione sulle ristrutturazioni deve essere considerata trasferibile; se un immobile viene venduto nel periodo di ammortamento della detrazione, il rimanente periodo detraibile diviene automaticamente a favore del nuovo acquirente. E' possibile, però, stipulare degli accordi per continuare a beneficiare delle agevolazioni in seguito alla vendita dell'immobile.


Il proprietario deve inoltrare alla Usl di competenza la richiesta di inizio lavori e lo dovrà fare con una raccomandata con ricevuta di ritorno; nel caso il cantiere preveda delle particolari autorizzazioni, si dovranno pagare i relativi costi tramite degli appositi bollettini postali.



Il costo della ristrutturazione dovrà essere semplicemente indicato in sede di dichiarazione dei redditi; in questa, dovranno essere presenti i dati relativi all'immobile come quelli catastali.




Torna a Guida ai finanziamenti.