Guida alle carte di pagamento

Le carte di pagamento rappresentano un prezioso strumento bancario nelle mani dei consumatori, che fa della comodità il suo cavallo di battaglia, anche e soprattutto nei riguardi dell'effettuazione di transazioni online.

Di fatto, le carte di pagamento non sono nient'altro che le carte di debito, le carte di credito e le carte prepagate, ossia tutte quelle carte plastificate, spesso molto belle e colorate per attrarre potenziali sottoscrittori, utilizzabili per fare shopping nei negozi tradizionali e presso gli esercenti online che le accettano, oggi presenti molto numerosi in Internet.

Nonostante le tariffe interbancarie, applicate per ogni transazione con carta di credito, non siano viste di buon grado dagli esercenti, non v'è dubbio che utilizzare carte di pagamento faccia girare il denaro molto velocemente e senza i limiti propri del contante, in particolare in relazione alla soglia di spesa per gli acquisti introdotta per contrastare il fenomeno dilagante dell'evasione fiscale.

Con le carte di pagamento, in particolare con le carte di debito, ossia con le carte Bancomat e Postamat, è anche possibile prelevare contanti dagli ATM, ossia dagli sportelli automatici bancari e postali abilitati. La comodità, quindi, è duplice: oltre che a consentire di pagare, una carta di pagamento consente anche di disporre, all'occorrenza, di denaro contante con molta semplicità, rivolgendosi alle filiali delle banche o agli uffici postali.



Le carte di debito, come la stessa denominazione suggerisce, hanno effetto a debito, ossia la banca effettua un addebito immediato sul conto corrente del cliente ad ogni suo acquisto, mentre con le carte di credito, ad ogni acquisto, non viene addebitato subito l'importo di spesa, ma viene scatenata una serie di addebiti programmati nel tempo, ossia rimborsi periodici che includono le commissioni a favore della banca; in questo modo il cliente può effettuare acquisti, sempre entro certi limiti, senza disporre subito del denaro necessario.

Generalmente, le carte prepagate sono delle carte ricaricabili il cui credito può essere rimpinguato attraverso semplici ricariche effettuate presso le agenzie bancarie e gli uffici postali, oppure ancora più comodamente online, sfruttando il servizio di Internet banking del proprio conto corrente. Tali Carte sono generalmente a marchio Visa o MasterCard e possono essere associate a PayPal per fare acquisti sicuri in tutto il mondo.

Disponendo di una carta prepagata, di norma è possibile pure ottenere ricariche da parte di soggetti terzi, usufruendo così di pagamenti istantanei, con commissioni a carico del soggetto emittente. Si pensi, ad esempio, alla celeberrima Postepay, la carta prepagata ricaricabile di Poste Italiane, che prevede una commissione di un euro a ricarica, il simbolo del boom che ha riguardato questo tipo di carte di pagamento.

E' quindi palese la comodità delle carte di pagamento, in particolare delle più recenti carte prepagate, spesso ricaricabili anche attraverso lo spostamento di denaro da una carta all'altra della stessa banca emittente. Si tratta di Carte che, ad un alto livello, offrono anche la possibilità di utilizzare un conto corrente disponendo semplicemente di esse. Le Carte Conto sono infatti delle prepagate evolute che, con il codice IBAN ad esse associate, permettono di avere davvero un conto in tasca, sempre a portata di mano, sebbene con qualche limitazione.


  1   |    2   |    3 successive ->