Estinzione del Mutuo anticipata senza incorrere in penali da pagare


Il noto Decreto Bersani,convertito nella Legge n° 40 del 2 aprile 2007, riconosce il diritto per chi ha stipulato un contratto di mutuo, dopo il 2 febbraio o il 3  aprile 2007, di estinguere anticipatamente, il suo debito nei confronti della banca, senza il pagamento di penali.

Le condizioni perché venga riconosciuto ciò sono:

  • il contratto di mutuo sottoscritto dal 2 febbraio 2007 ;

  • il finanziamento sia stato richiesto da persone fisiche per acquistare o ristrutturare una casa ad uso abitativo.




Inoltre è stabilito,dal Decreto Bersani,un limite massimo di  penali per estinzione anticipata dei mutui, stipulati fino al 2 aprile 2007.

Quindi, se pensiamo di estinguere anticipatamente,una parte o tutto il mutuo,ciò implica  il risparmio degli interessi non ancora maturati.

Il rovescio di questa buona notizia è che, c’è da pagare una penale,che però è stata stabilita alla sottoscrizione  del contratto di mutuo,e che viene valutata rispetto alla somma anticipatamente estinta.

In genere le penali  dei mutui a tasso fisso sono superiori rispetto alle penali dei mutui a tasso variabile.E le banche fanno infatti pagare gli interessi del mutuo richiesto,nei primi anni del finanziamento.Viene infatti stabilito un limite di circa 18 mesi dall'inizio del mutuo,prima dei quali non si può procedere all’estinzione del finanziamento.

Infine la banca può aggiungere, oltre la penale di estinzione anticipata,le spese di chiusura del mutuo.

Così che diventa  meno conveniente per il mutuatario estinguere il proprio debito dopo averne già pagato gli interessi sulla cifra finanziata.

Torna a Guida ai mutui.