Mutui: conviene ancora il tasso variabile?


Stando a quanto dichiarato dagli analisti, le rate mensili dei mutui a tasso variabile quindi dovrebbero continuare a salire. Ma stiamo calmi, in quanto la differenza fra le due tipologie di mutui, ovvero a tasso variabile e tasso fisso, è ancora nettamente a vantaggio del variabile che si attesta intorno al 2,5%, contro il miglior mutuo fisso che si aggira intorno al 4,8-5%.

Quindi i mutui a tasso variabile, sono ancora molto convenienti rispetto ai quelli fissi. Poi è una scelta personale. Se infatti il mutuatario ha delle entrate fisse e non vuole correre dei rischi, il mutuo a tasso fisso è la soluzione giusta per lui, sapere infatti di pagare sempre la stessa cifra può essere un vantaggio.

Il mio consiglio comunque è sempre quello di fare più preventivi possibili e scegliere il migliore in base alle proprie caratteristiche reddituali.

Torna a Guida ai mutui.

Tag: tasso,   variabile,   fisso,   mutuo,   salire,   vantaggio,   soluzione,   scelta,   scegliere

Temi: tasso fisso,   tasso variabile

Altri articoli a tema, in particolare della sezione Guida ai mutui della categoria Mutui:

Il mutuo ed i tassi, gli elementi da valutare
Tipi di tassi di interesse
Mutui da rottamare
Surroga del mutuo tasso variabile Banca Woolwich
Mutuo tasso fisso Banca di Imola
Aprire un conto corrente