Come ottenere il risarcimento diretto


RISARCIMENTO DIRETTO RC AUTO


ottenere risarcimento direttoCos’è il risarcimento diretto? A partire dal primo febbraio 2007, tutte le Compagnie di Assicurazione rc auto, sono tenute ad applicare il risarcimento diretto.

Il risarcimento diretto è l’indennizzo del cliente, assicurato presso una compagnia di assicurazione, che è coinvolto nel sinistro, ma non è responsabile o ne è responsabile solo parzialmente. La procedura di rimborso assicurativo prevede che, l’assicurato, solo in questi casi, sia risarcito direttamente dal proprio assicurato.


La legge n.254/2006 viene applicata solo in alcune condizioni e cioè: se il sinistro coinvolge solo due auto, se il riconoscimento avviene tramite Modulo Blu, CID, quindi le auto sono regolarmente targate ed immatricolate in Italia, Repubblica di San Marino o nello Stato del Vaticano Se ci sono state lesioni, per indennizzo diretto, queste non devono superare il 9% di invalidità.


Come si attiva la procedura di risarcimento diretto? L’assicurato, che è responsabile solo in parte, deve presentare alla propria Compagnia di Assicurazione, il Modulo Blu compilato in tutte le sue parti, a prova della denuncia del sinistro, frutto della constatazione amichevole. Descrivere la posizione esatta del veicolo danneggiato, così che la compagnia di assicurazione, possa effettuare la perizia.


Se la compagnia di assicurazione viene meno al suo compito, l’assicurato potrà rivolgersi all’associazione dei consumatori.


I tempi di risposta da parte della compagnia di assicurazione sono di: 30 giorni se il Modulo Blu, della constatazione amichevole, è stato firmato da entrambe le parti; 60 giorni se non ci sono le firme di entrambi gli automobilisti coinvolti, 90 giorni se nel sinistro sono state provocate lesioni fisiche alle persone.


La compagnia di assicurazione propone l’ammontare del risarcimento diretto e l’assicurato ha 15 giorni di tempo per accettare l’offerta economica. Se la compagnia di assicurazione non formula la sua offerta entro 15 giorni, l’assicurato può passare alle vie legali.



Torna a Guida automobilista.