Ascesa dell'Ecuador per investire in immobili in Sud America


Il Sud America è una regione del mondo vivace, intraprendente e in dinamica crescita. Ciò che la rende ancora più eccitante è che pochi hanno notato l'enorme progresso economico e socio-politico che ha trasformato la regione negli ultimi tre decenni.

Sia che si guardi all'esplosivo mercato brasiliano, con il suo rapido tasso di crescita, il rafforzamento della moneta, l'inflazione controllata e la promessa di celebrità internazionale, sia che ci si concentri sull'ascesa più lenta, ma estremamente costante, del mercato cileno, con il suo avanzamento economico più conservatore, l'eccezionale efficienza aziendale e pubblica e i principi capitalistici profondamente radicati, è difficile sostenere che il Sud America non sia promettente per gli investimenti immobiliari.

Anche se l'Ecuador ha ricevuto diversi riconoscimenti da rispettate pubblicazioni internazionali, riguardo ad esempio alla migliore posizione in cui potere andare in pensione, anche questo successo è stato più un sussurro sommesso che una proclamazione clamorosa. Come investitori di valore, cerchiamo sempre opportunità immobiliari in quei mercati dove i successi sono evidenti e l'Ecuador si adatta perfettamente a questa dinamica.

È difficile immaginare che solo una ventina di anni fa l'Ecuador era sull'orlo del collasso economico. La vecchia moneta del Paese, il Sucre, era svalutata al punto di essere senza valore. Ci fu una corsa alle banche nazionali, che chiusero le loro porte, e ci furono folle di depositanti in preda alla disperazione. La rovina finanziaria sembrava essere in agguato dietro ogni angolo.

Dal punto di vista politico, la storia era stata altrettanto terribile. Nei tre decenni precedenti, a partire dal 2000, solo tre presidenti avevano raggiunto un mandato completo, prima di essere prematuramente rimossi. I successori sembravano scarsi e la probabilità di un vuoto politico sembrava imminente, ricordando l'instabilità politica che aveva spesso afflitto l'Ecuador nel secolo scorso.

Il settore aziendale privato non se l'è cavata meglio nel 2000, dato che anche settori industriali tradizionalmente forti, come il petrolio, le banane e l'industria dei gamberetti hanno avuto un forte calo dalla fine degli anni '90 al 2000. La sopravvivenza delle imprese ha significato tagli significativi di posti di lavoro e il tasso ufficiale di disoccupazione nel 2000 era del 17%.

La realtà dell'Ecuador di cui sopra, di appena una ventina di anni fa, difficilmente indica il tipo di ambiente in cui si è entusiasti di investire somme significative di denaro nel settore immobiliare. Bisogna però sapere che poi, all'inizio del 2000, con l'alba di un nuovo millennio, un evento singolare e significativo ha sostanzialmente trasformato il paesaggio ecuadoriano da una marea di disperazione a un'onda di risorgimento economico, un'onda che è lungi dall'essersi esaurita e che può quindi ancora essere cavalcata in alto verso significativi profitti immobiliari. Questa trasformazione storica è avvenuta il 9 gennaio 2000, quando, in una disperata ricerca di stabilità economica, l'Ecuador ha ufficialmente messo fine al regno della moneta Sucre e ha formalmente adottato il dollaro statunitense (USD) come moneta nazionale.

Quasi di notte, all'inizio con un po' di comprensibile scetticismo, la comunità globale si rese conto che un grosso cambiamento era appena avvenuto in Ecuador, mentre contemporaneamente una nuova speranza albeggiava sul mercato interno ecuadoriano bancario, valutario e aziendale. L'impatto non potrebbe essere definito eccezionalmente rapido, ma certamente è stato forte e costante, e ha fornito la stabilità necessaria all'economia dell'Ecuador.

Oggi troviamo una nuova terra in Ecuador, in cui il dollaro americano viene dato liberamente nel moderno mercato locale, dove l'inflazione, una volta dilagante, è costantemente sotto controllo. La leadership del presidente ha fornito la tanto necessaria stabilità politica e ha permesso di creare un periodo di maggiore prosperità economica, ulteriormente rafforzata dalla relativa stabilità e liquidità della valuta del dollaro.

Questa rapida e importantissima trasformazione del paesaggio economico e politico ecuadoriano ha dato origine al sogno più grande dell'investitore di valore, nonostante la distorsione generata da una nazione che viene ancora vista per i difetti di due decenni fa, in contrasto con la realtà del suo successo attuale. Essa offre al moderno investitore immobiliare l'opportunità di acquisire un valore significativo, unito a una crescita costante.

La crescita costante nel settore immobiliare ecuadoriano scaturisce da un tasso di apprezzamento costante. Anche se i numeri non sono schiaccianti, si tratta di rendimenti da investimenti immobiliari sani e orientati al valore. Infatti, nelle grandi città come Guayaquil e Quito, così come nelle prime aree di villeggiatura costiere, i tassi di apprezzamento sono stati interessanti e, anche durante l'estrema recessione immobiliare globale nel 2007 e 2008, il tasso di rivalutazione immobiliare dell'Ecuador ha continuato a crescere. Con l'avvento del 2009, Quito, Guayaquil e le aree costiere periferiche hanno tutte visto l'apprezzamento dei prezzi degli immobili scendere con percentuali a una sola cifra, e quindi, in termini relativi, il mercato immobiliare ecuadoriano ha retto meravigliosamente in confronto alla maggior parte delle altre parti del mondo.

Torna a Guida agli investimenti immobiliari.

Tag: immobiliare,   valore,   economico,   mercato,   ecuadoriano,   moneta,   crescita,   costante,   tasso

Temi: mercato immobiliare,   settore immobiliare,   dollaro americano,   dollaro statunitense,   progresso economico

Altri articoli a tema, in particolare della sezione Guida agli investimenti immobiliari della categoria Immobili:

Il dollar index: cos'è e cosa sapere per utilizzarlo
Come vendere la vostra casa
Il dollaro australiano
I fattori che influenzano il valore dell'euro
Valori immobiliari influenzati dal mercato del lavoro
Aprire un conto corrente