Miglior conto corrente

Quello del miglior conto corrente è un concetto talmente relativo che non si può rispondere ad una domanda su quale sia il conto corrente migliore senza aver fatto diverse premesse e considerazioni e senza entrare nell'ottica che il conto corrente migliore per le proprie esigenze potrebbe essere ben diverso da quello migliore per le esigenze di altri.

I conti correnti, tanto per cominciare, sono infatti di diversa natura e, in particolare, possono essere apribili e accessibili online oppure in modo tradizionale, attraverso le classiche agenzie bancarie sul territorio nazionale. Alcune banche tradizionali offrono comunque anche un conto corrente online o un conto corrente tradizionale accessibile pure online mediante un servizio di Internet Banking.

Il miglior conto corrente dovrebbe quindi innanzitutto tenere conto del proprio maggiore interesse verso una delle due suddette tipologie di conto; alcuni preferiscono avere a che fare con un conto corrente tradizionale, apribile presso una banca con filiali a cui rivolgersi ogni volta che si desidera, mentre altri preferiscono un conto corrente online, con una semplicità ed una comodità di apertura senza eguali, e con la possibilità di operare comodamente da casa o da qualunque altro posto dove sia presente una normale connessione ad Internet.



I conti correnti online sono quelli che, in tempi recenti, hanno attirato maggiormente su di sé le luci del sipario, per diverse ragioni e sulla base di diversi assunti; per la maggior parte dei risparmiatori vengono visti come ottimi strumenti di risparmio, affidabili e, talvolta, anche remunerativi, quindi come fonte di veri e propri rendimenti scaturenti da interessi che la banca, seppure raramente, elargisce a favore dei clienti, di norma per periodi promozionali che sono limitati nel tempo e la cui offerta promozionale andrebbe quindi in genere colta al volo quando capita.

Il miglior conto corrente viene da molti ricercato tra i conti correnti che offrono tassi di interesse alti, se proprio non in senso assoluto, almeno relativamente ai tempi che corrono, di crisi economica e di grandi stenti per molte famiglie italiane, e relativamente ad altre forme di investimento apparentemente più allettanti ma che, spesso e volentieri, nascondono insidie in termini di sicurezza e di costanza del rendimento. Il tasso di interesse ottenibile, seppure allettante, andrebbe valutato in funzione del tempo di validità dell'offerta a cui si riferisce, nel caso in cui fosse in atto una promozione a tempo limitato, o comunque in funzione del tempo di mantenimento di una certa giacenza sul conto per poterne usufruire, in quanto a volte le banche offrono tassi di interesse di una certa entità a patto che il cliente mantenga sul conto un capitale minimo per un certo periodo di mesi o di anni, proponendo così una sorta di conto deposito vincolato.

Uno degli aspetti fondamentali da tenere in considerazione per scegliere il conto corrente migliore per le proprie esigenze è quello dei costi che potrebbero affliggere l'apertura di un conto; a tal riguardo la politica di zero spese adottata dalla maggior parte delle banche online fa sì che oggi aprire un conto corrente online sia per molti la scelta migliore, non dovendosi pagare quasi mai nulla per l'apertura, la gestione e la chiusura di un siffatto tipo di conto. Operare con un conto online, oltre ad essere senza dubbio comodo, è quindi anche quasi sempre gratuito, a meno di un'eventuale imposta di bollo da doversi pagare allo Stato per giacenze annuali medie superiori a 5.000 euro, ammesso che si sia privati e che la banca non paghi tale imposta di tasca propria per invogliare nuovi potenziali clienti a rivolgersi ad essa.

Torna a Guida ai conti correnti.