Conti correnti e Telepass


Il Telepass è un apparecchio elettronico, funzionante a batteria, che consente di saltare le normali code ai caselli autostradali imboccando un passaggio privilegiato, dedicato agli abbonati a tale sistema.

Grazie al Telepass si può quindi risparmiare molto tempo e viaggiare risulterà molto più comodo. Passando per le corsie dedicate al Telepass, il pagamento del pedaggio avviene mediante addebito su conto corrente o su carta di credito, grazie al sensore dell'apparecchio che interagisce con l'apparato del casello stradale, che così, mediante un impianto ottico, riconosce il veicolo che sta transitando.

Vi è quindi uno stretto rapporto di funzionamento tra Telepass e conti correnti, visto che l'automatismo del sistema include quello dell'addebito su conto corrente, direttamente oppure indirettamente, per mezzo di una carta di credito sulla quale, di fatto, avviene l'apertura di un credito da parte della banca, che verrà rimborsato, nel tempo, dalle giacenze del conto secondo il piano previsto contrattualmente.

Alcune banche offrono degli incentivi per la richiesta del servizio di Telepass contestualmente all'apertura di un conto corrente e facilitano quindi la sottoscrizione contestuale dei due prodotti. Si pensi, ad esempio, a Hello bank!, che offre il conto corrente online Hello! Money con l'azzeramento del canone per la richiesta del servizio del Telepass per i primi 6 mesi, o a My Unipol Banca, che offre il conto corrente online MyUnipol, con la possibilità di ricevere comodamente a casa propria il dispositivo del sistema Telepass Family, o anche alle Poste Italiane, che offrono un conto corrente postale con possibilità di ricevere il dispositivo del Telepass Family BancoPosta.

Grazie al Telepass si risparmiano il tempo del pagamento manuale, il tempo di fermata e il tempo di ripartenza, per la gioia dell'automobilista che passa per il casello riservato e per quella di tutti gli altri automobilisti che lo seguono. Materialmente, il Telepass può essere richiesto, oltre che online sul sito ufficiale della propria banca, anche presso lo sportello della propria banca.

In alternativa, il pagamento degli oneri autostradali può avvenire mediante la carta di pagamento Viacard che interagisce con il proprio conto corrente per gli addebiti, una tessera plastificata, a banda magnetica, molto utile per chi viaggia molto in autostrada, ma che consente un pagamento manuale presso i caselli autostradali dedicati, sebbene nelle corsie privilegiate. Il Telepass risulta dunque essere un sistema di pagamento dei pedaggi molto più veloce, in quanto automatizzato.

Di fatto, la Viacard di Conto Corrente consente gli addebiti a carico del cliente, fa da tramite tra il casello autostradale e il conto corrente convenzionato o la carta di credito, senza limiti di spesa. La Viacard non presenta scadenza e può essere utilizzata su tutta la rete autostradale nazionale, passando attraverso i caselli dove è indicato il pagamento automatico via Viacard, caratterizzati dai cartelli di colore blu. Esiste comunque anche una Viacard a scalare che consiste in una Carta prepagata il cui importo viene scalato al pagamento di ogni pedaggio, fino all'esaurimento del credito disponibile.

Volendo, si può anche aderire ad una soluzione Telepass con Viacard in modo molto semplice. Dopo avere richiesto una o più Viacard di Conto Corrente alla propria banca, se convenzionata, infatti, si può richiedere un dispositivo Telepass per ogni tessera che si possiede; è possibile farlo online o presso un Punto Blu, un Telepass Point o un Telepass Self Service 24H. Il costo del canone annuo è pari a 15,49 euro per la tessera principale e di 3,10 euro per ogni eventuale tessera aggiuntiva.

Riguardo ai costi del servizio, alcune banche prevedono una commissione per ogni addebito sul conto corrente, che rappresenta un costo variabile per il cliente in funzione della banca, una spesa il cui importo, però, come riportato nel Documento di Sintesi, non può superare il valore massimo di 1,55 euro. Per conoscere l’effettivo importo di tale commissione è necessario richiedere informazioni alla propria banca.

Torna a Guida ai conti correnti.