Dossier titoli


Quando si decide di aprire un conto corrente, che sia o meno online, si guadagna la possibilità di adoperare un importante strumento bancario estremamente utile per gestire al meglio le proprie finanze, per ricevere denaro da altre persone, per prelevare denaro per sé e per effetture pagamenti a favore di terzi, ma anche per potere utilizzare altri prodotti e strumenti bancari più sofisticati.

Il conto corrente può essere, insomma, una sorta di trampolino di lancio per un utilizzo più avanzato della propria banca, non solo in termini di risparmio ma anche in termini di investimento, ad esempio per accedere ad offerte che garantiscano un rendimento da deposito promozionale, più remunerativo di quello di base.

Uno degli strumenti bancari più utili in questo senso è il dossier titoli, denominato anche deposito titoli, da non confondere con il conto deposito, un dossier associabile ad un conto corrente, fondamentale per effettuare varie operazioni, ad esempio per acquistare e vendere titoli e azioni, uno strumento che consente, quindi, di investire il proprio denaro in un modo che, in linea di principio, può essere molto più remunerativo della semplice giacenza libera e anche del deposito vincolato.

Il dossier titoli è quindi una sorta di contenitore, di paniere, dove confluiscono ad esempio titoli di Stato quali i BOT, i BTP e i CCT; per operare con questi prodotti è cioè necessario disporre di un dossier titoli che, di norma, non è automaticamente incluso quando si apre un conto corrente. Nel dettaglio, un dossier titoli può includere anche azioni, obbligazioni, fondi comuni d'investimento e altri strumenti finanziari.

Di norma, il dossier titoli non viene fornito a titolo gratuito, anche se ci sono delle banche, in special modo banche online, che, per attrarre nuovi clienti, offrono un pacchetto costituito da un conto corrente e dal dossier titoli senza costi aggiuntivi, almeno per un periodo di tempo promozionale; talvolta l'offerta riguarda l'imposta di bollo sul dossier titoli, che la banca si impegna a versare allo Stato senza costi per il cliente, pagando quindi di tasca propria tale onere dovuto per legge allo Stato.

Il dossier titoli, quindi, va in genere richiesto alla banca esplicitamente e ciò può essere fatto in due modi: si può richiedere contestualmente all'apertura di un nuovo conto corrente, oppure si può richiedere successivamente, in qualunque momento, sottoscrivendo un nuovo, apposito contratto. Nel primo caso, a volte si può usufruire di un trattamento migliore, con lo sconto di parte dei costi da sostenere per questo servizio extra. Un esempio di questo tipo è offerto da CheBanca!, rinomata banca online che offre la possibilità di ridurre o addirittura azzerare l'imposta di bollo per il dossier titoli associabile al conto corrente online CheBanca!.

Vi sono diverse voci di costo per il mantenimento di un dossier titoli associato ad un conto corrente, una delle quali è la su citata imposta di bollo che va pagata, per legge, allo Stato. L'imposta di bollo per un dossier titoli è di ugual importo dell'imposta di bollo per un conto corrente, ed è quindi pari, attualmente, a 34,20 euro. A questo si aggiunge la tassazione sugli interessi che, per tale strumento d'investimento, è pari al 26%.

Gli altri costi per chi sottoscrive un deposito titoli sono invece a favore delle banche e consistono nei diritti di custodia dei titoli e negli emolumenti per l'acquisto e la vendita dei titoli. In sostanza, si parla delle spese di amministrazione e delle spese per l'invio posizione titoli e delle commissioni di compravendita. In funzione della banca scelta, il costo può comunque variare molto.

Secondo uno studio sui costi reali affrontati per il mantenimento di un deposito titoli, si stima che, mediamente, in un anno, questo strumento può costare oltre 200 euro se si investono 10.000 euro, mentre può costare intorno a 600 euro se si investono 50.000 euro. Chiaramente si tratta di valori medi indicativi e, aprendo il dossier nella banca giusta si potrà senz'altro risparmiare parecchio e rendere l'investimento, nell'insieme, abbastanza remunerativo.

Torna a Guida ai conti correnti.