Conti deposito abbinati a conti correnti

Quando si apre un conto corrente, a volte si ha la possibilità di aprire contestualemente anche un conto deposito, sfruttando un pacchetto omnicomprensivo per gestire i propri risparmi e al contempo investire il proprio denaro per trarne un profitto sotto forma di interessi.

I conti deposito abbinati a conti correnti si sono diffusi già da qualche anno e hanno semplificato la vita ad una moltitudine di correntisti che, con un colpo solo, hanno sottoscritto una soluzione di due prodotti in uno comoda e ottimale per il risparmio e l'investimento.

La comodità nasce, oltre che dal tempo risparmiato, anche dall'esigenza di disporre di un conto corrente di appoggio per potere operare con un conto deposito, volendo guardare la questione al contrario, ossia considerando come interesse principale quello dell'apertura di un conto deposito e come interesse secondario quello dell'apertura di un conto corrente; questo conto predefinito serve sia per ragioni identificative, al momento di apertura del conto deposito, sia per spostare il denaro da e verso il conto deposito, in quanto è l'unico conto corrente abilitato a questi movimenti bancari.

Risulta tutto molto più semplice se il conto corrente di appoggio viene aperto presso la stessa banca dove si intende aprire il conto deposito, anche a livello di gestione online dei due tipi di conto, ammettendo che ci si rivolga ad una banca online per aprire i conti, come è ormai prassi fare per oltre la metà degli interessati, secondo diverse statistiche in merito.



Tra i conti deposito abbinati a conti correnti vi è, ad esempio, quello di Webank, Istituto bancario online con alle spalle la BPM, ossia la Banca Popolare di Milano; è possibile aprire il Conto Webank, ossia il conto corrente di Webank, assieme al conto deposito Webank, il deposito di risparmio di Conto Webank utilizzabile dalla stessa area personale online dalla quale si accede al conto corrente, per usufruire della massima comodità e della massima velocità operativa possibili.

In un colpo solo si può quindi si amministrare la propria liquidità sia mettere da parte una somma di denaro che frutti interessi nel tempo, decidendo di volta in volta la quotaparte di denaro da destinare al conto corrente piuttosto che al conto deposito, avendo tutto sotto controllo con una chiara indicazione del denaro che si può trasferire sul conto deposito per investimento oppure, al contrario, sul conto corrente per usufruirne all'occorrenza. Certamente bisogna fare attenzione agli eventuali vincoli temporali a cui potrebbe essere assoggettato il capitale sul conto deposito ma, al prezzo di perdere un po' di interessi e giocando molto con tranche di denaro vincolabili, i risultati saranno evidenti.

A volte, seppure molto raramente, gli interessi sostanziosi promessi da una banca per la sottoscrizione di un suo conto deposito sono subordinati all'apertura del conto corrente di appoggio presso di essa e potrebbe anche sussistere una promozione grazie alla quale, aprendo i due tipi di conto contestualmente, andrebbe pagata soltanto l'imposta di bollo prevista per i depositi vincolati e non l'imposta di bollo per il conto corrente, nonché si avrebbe diritto all'azzeramento del canone del deposito titoli apribile sempre presso la stessa banca.

Un consiglio che si può dare quando si decide di aprire conti deposito abbinati a conti correnti è quello di rivolgersi ad una banca online che sposi pienamente una politica a zero spese, altrimenti si rischierebbe di dover affrontare dei costi di gestione e di utilizzo di due conti, non certo l'ideale per chi intende aprire due conti per guadagnare dal proprio denaro attraverso la percezione di interessi. Anzi, a tal riguardo l'ideale sarebbe scovare banche che paghino l'imposta di bollo prevista per legge di tasca propria anziché farla pagare al cliente, come normalmente avviene.

Torna a Guida ai conti deposito.