Come aprire un conto deposito

Il conto deposito rappresenta un valido strumento di investimento per chi ambisce ad ottenere comodamente un rendimento con il proprio denaro e si colloca un po' a metà strada tra un conto corrente ed uno strumento di investimento soggetto a rischio; i conti deposito online, in particolare, vantano una comodità per la loro apertura e la loro gestione che li rende molto interessanti agli occhi di chi desidera investire senza rinunciare alla sicurezza di non perdere il proprio denaro.

Si può aprire un conto deposito sia rivolgendosi ad una banca tradizionale sia effettuando una richiesta ad una banca online; in quest'ultimo caso si usufruirà della possibilità di utilizzare il proprio conto deposito nella massima comodità possibile, semplicemente collegandosi ad Internet, e in genere si potrà usufruire di condizioni contrattuali migliori, fermo restando che l'identificazione iniziale del cliente, necessaria per l'apertura del conto, dovrà comunque essere fatta a dovere, a volte anche tramite l'intermediazione di un referente bancario, ma più spesso semplicemente online, attraverso l'effettuazione di un bonifico di validazione.

Per aprire un conto deposito online bastano una connessione ad Internet, un documento d'identità, il codice fiscale ed un conto corrente di appoggio, denominato anche conto predefinito, già aperto o da aprire presso la stessa banca dove si intende aprire il conto deposito oppure presso un'altra banca, conto che ha lo scopo di "comunicare" con il conto deposito per depositarvi denaro e per prelevare denaro. Il conto corrente di appoggio garantisce la sicurezza che ad operare con il conto deposito sia proprio il cliente intestatario, riducendo così il rischio di frodi.



La prima cosa da fare quando si desidera aprire un conto deposito, quindi, è dotarsi di un conto corrente di appoggio, se già non se ne dispone, e questo, volendo, potrà essere conseguito, a sua volta, facendo una richiesta di apertura online; d'altra parte, tale conto non ha nulla di particolare trattandosi dunque di un normale conto corrente che fra le varie cose potrà essere utilizzato anche per eseguire operazioni dispositive con il conto deposito che si aprirà, oltre che per l'identificazione iniziale. A volte, con alcune banche, quando si utilizza un conto corrente di appoggio online, potrebbe essere necessario fornire una integrazione al processo identificativo, evenienza questa che non complica particolarmente il processo di apertura conto.

Un conto deposito può essere aperto agevolmente online anche da chi non ha molta dimestichezza con l'informatica e con gli ingranaggi del sistema bancario; bastano pochi minuti per compilare il modulo di richiesta che ogni banca mette a disposizione su Internet, con chiare spiegazioni sul da farsi e rassicurazioni sulla riservatezza dei dati che si inseriscono man mano a sistema, in modo da potere procedere celermente con l'operazione forti della consapevolezza di fare il tutto in sicurezza.

Al di là delle modalità di apertura di un conto deposito, è particolarmente importante capire cosa si desidera fare con tale conto, e in quest'ottica è bene innanzitutto decidere se si preferisce aprire un conto deposito vincolato oppure no. In caso affermativo si percepirà, in genere, un tasso di interesse maggiore rispetto a quello offerto per depositi liberi, senza vincoli temporali di tenuta del denaro, ma ciò sarà possibile ammesso che si sia nelle condizioni di potere rinunciare al proprio denaro per un certo periodo di tempo, sebbene quasi tutti i conti deposito vincolati possono comunque essere svincolati anticipatamente senza penali, al solo prezzo di rinunciare agli interessi maturati fino allo svincolo, quindi senza alcuna reale perdita per il cliente rispetto al suo capitale iniziale.

Aprire un conto deposito online è in genere un'operazione a zero spese e quasi tutte le banche non richiedono denaro al cliente per aprire, gestire e chiudere un conto deposito; anzi, a volte, per invogliare potenziali clienti ad aprire un conto siffatto, alcune banche si accollano pure l'onere dell'imposta di bollo dovuta per legge in percentuale del denaro depositato, pagandola allo Stato al posto dei clienti.

Torna a Guida ai conti deposito.