Il miglior tasso di interesse di un conto deposito

Quando si decide di aprire un conto deposito, molto probabilmente si è in cerca di un conto con caratteristiche confacenti ai propri desiderata in termini di rapporto guadagno/costi, e si è vagliata la questione soffermando la propria attenzione, ad esempio, sui conti a zero spese che prevedono una comoda operatività online, ma soprattutto su quei conti che offrono un buon tasso di interesse, in modo tale da potere percepire interessi cospicui e sfruttare così al massimo la natura di strumento di investimento tipica di questo tipo di conto, oggi molto amato dagli Italiani più che in passato.

Il conto deposito costituisce un ottimo strumento di investimento, non solo in relazione ai tassi di interesse offerti dalle banche, ma anche in relazione al fatto che è estremamente semplice da aprire, da gestire e da utilizzare, merito anche e soprattutto delle banche che, molto spesso, offrono conti apribili ed utilizzabili via Internet, per la massima comodità del cliente.

Ricercare il migliore tasso di interesse tra quelli proposti dalle varie banche per i conti deposito è per molti, a torto o a ragione, la cosa più importante da fare, a cui si dà la massima priorità mettendo in secondo piano gli altri parametri che riguardano questi prodotti di investimento. Del resto, se non si ha l'esigenza di disporre di denaro nel medio o lungo periodo, si può davvero investire puntando al massimo profitto con il percepimento di un tasso di interesse molto elevato conseguibile con un conto deposito vincolato per diversi anni.

In genere, per ottenere i migliori rendimenti con un conto deposito, occorre vincolare il proprio denaro per un certo periodo di tempo che, tipicamente, varia da un minimo di 3 mesi ad un massimo di 36 mesi; sono possibili anche tempi di vincolo più lunghi che, però, non è detto che portino a maggiori guadagni per il cliente. Con un vincolo temporale si può ottenere di più dal proprio investimento che lasciando libero il proprio denaro sul conto deposito, ossia impiegandolo come se si trattasse di un conto corrente.

Il miglior tasso di interesse di un conto deposito va dunque innanzitutto valutato in funzione del periodo di tempo in cui si può fare a meno del proprio denaro, impegnandosi con la banca a prelevarlo solo alla scadenza del vincolo pattuito. Vincolare un capitale per periodi lunghi, ad esempio di tre anni, ma anche di un maggior numero di anni, potrebbe essere impossibile per alcuni investitori e quindi il miglior tasso di interesse potrebbe essere ricercato tra quelli offerti per periodi di tempo più brevi e quindi più accettabili.



A volte vi sono promozioni grazie alle quali i tassi di interesse offerti da una certa banca sono maggiori rispetto alla norma. Tipicamente avviene che, per periodi di tempo limitati, ad esempio di 3 mesi, una banca offra un tasso di interesse lordo annuo addirittura maggiore di quello che si otterrebbe vincolando il proprio denaro per un periodo di tempo più lungo, ad esempio di un anno. Bisognerebbe quindi fare attenzione a queste offerte a tempo limitato per coglierle al volo, ammettendo di avere i requisiti necessari per aderirvi; spesso accade, infatti, che possano usufruire di una certa promozione solo i clienti che portino nuova liquindità alla banca entro una certa data di scadenza dell'offerta.

Fino a pochi anni fa il miglior tasso di interesse di un conto deposito poteva arrivare al 4% lordo annuo o, in casi piuttosto rari e molto fortunati, poteva anche sfiorare il 5% lordo annuo, ma oggi, con la crisi economica che sta affliggendo il mondo intero e, in particolare, l'Italia, risulta essere ottimo già un tasso di interesse del 2% lordo annuo; inutile dire che un tasso di interesse maggiore, molto difficile da ottenere, andrebbe tenuto in grande considerazione per la propria scelta del conto deposito migliore fra i tanti che il mercato attuale propone. Ad esempio, scovare una banca che offra un tasso del 2,5% lordo annuo non è facile, soprattutto se il tasso fosse valido per un lungo periodo di tempo e non, come molto spesso accade, soltanto per pochi mesi.

Chiaramente bisogna fare attenzione al fatto che, anche se non previsto prima di aprire un conto deposito, con il tempo potrebbe avere luogo qualche evento inatteso che porti alla impellente necessità di disporre di denaro, il che potrebbe costituire un problema nel caso in cui si fosse vincolato un certo capitale per un certo periodo di tempo in un conto deposito vincolato; si potrebbe cioè presentare il problema di prelevare in anticipo da un conto deposito vincolato, con tutti i dubbi del caso, non solo sulla possibilità di una tale operazione, ma anche sull'eventuale perdita nel caso la si potesse portare a termine. In questo contesto, seppure sia importante mirare al tasso di interesse più alto in assoluto, risulta evidente che è importante anche non escludere un tasso di interesse leggermente minore offerto per vincoli temporali meno stringenti.

In realtà si deve anche considerare che, in genere, le banche consentono di investire in un conto deposito vincolando il proprio denaro in più tranche, con la possibilità quindi di svincolarne anticipatamente solo alcune al momento del bisogno, non perdendo in tal modo gli interessi sulla parte rimasta vincolata. Con questo escamotage si riducono al minimo i rischi di mancato guadagno e anzi, suddividendo i propri averi in più tranche in banche diverse, si riduce anche il rischio di fallimento di una banca, traendo così giovamento da una protezione dei fondi di tutela fino a 100.000 euro a depositante e banca. Per investire, in generale, nel migliore dei modi riguardo alla sicurezza, è infatti buona norma diversificare, destinare il denaro verso diverse possibili fonti di guadagno; nel caso specifico, nel caso di svincolo anticipato, più banche garantiscono minori rischi di perdita non solo degli interessi ma anche del capitale investito.

Un'ottima idea per ottenere il più possibile il miglior tasso di interesse di un conto deposito è quella di vincolare il proprio denaro per i periodi promozionali che spesso fanno capolino sui siti delle banche, in modo tale da sfruttare sempre la migliore tra le offerte disponibili in ogni periodo, muovendo il denaro altrove appena i periodi promozionali presso una banca saranno terminati, e puntando così sull'apertura di un nuovo conto deposito ogniqualvolta vi sia una offerta in un'altra banca per la quale valga la pena farlo.

Torna a Guida ai conti deposito.