Rischio hacker per i conti deposito

I conti deposito, in special modo i conti deposito online, costituiscono un ottimo strumento di investimento dove confluisce il denaro di chi desidera ottenere un rendimento, un vero e proprio guadagno, privandosi di un capitale per un certo periodo di tempo, aderendo o meno ad un vincolo di mantenimento del capitale stesso.

Per la loro stessa natura, quindi, i conti deposito, ancor più dei conti correnti, possono essere oggetto di attenzione da parte di malintenzionati del Web, impropriamente denominati hacker, che di per sé non è un termine con significato necessariamente negativo; laddove ci sono soldi ci possono essere problemi e, in special modo per gli anziani, può quindi essere un problema aprire un conto deposito online, sopraffatti come si può essere dai timori che a volte incutono le parole Internet e informatica.

In realtà i conti deposito online ed i conti correnti online sono piuttosto sicuri, fermo restando che nulla al mondo può essere considerato sicuro al 100%, per la natura intrinseca delle cose e, se spesso si sente parlare male di questi strumenti bancari in termini di sicurezza, il motivo principale consiste nel fatto che molti risparmiatori non sanno usare lo strumento di Internet con la diligenza ed il buonsenso che dovrebbero caratterizzare ogni passo che si fa sul Web.

Un grande problema è quello della mancanza di attenzione di molti navigatori virtuali, che possono compromettere, con le loro azioni, la sicurezza di uno strumento utilizzabile online; spesso e volentieri basta una email di phishing, con la quale un hacker malintenzionato riesce a rubare le credenziali di accesso al conto, per creare seri problemi ad un risparmiatore un po' ingenuo.

Certamente non sempre la colpa di un furto d'identità o di dati sensibili è imputabile al cliente un po' sprovveduto di una banca e sussitono anche casi in cui è l'Istituto ad avere colpa per non avere implementato sul suo sito Web sistemi di sicurezza adeguati e per non avere informato attivamente i suoi clienti sulle più comuni pratiche illecite che possono avere luogo su Internet, in particolare contro i conti deposito.



C'è comunque da dire che i conti deposito godono già di una certa sicurezza intrinseca poiché non sono accessibili in modo totalmente libero, ma sono accessibili tramite un conto corrente di appoggio, ossia un conto corrente, detto anche conto predefinito, da cui possono essere effettuati i depositi sul conto deposito e su cui possono essere spostati i soldi dal conto deposito; in sostanza, il denaro può essere movimentato da e verso un conto deposito solo attraverso un conto corrente di appoggio di cui si sia intestatari, la qual cosa riduce di molto il rischio di accessi illeciti ad un conto deposito.

Esistono comunque anche i virus informatici ed i malware, che possono infettare il proprio computer, e anche il proprio smartphone, quando uno meno se lo aspetta, che spesso vengono scaricati inavvertitamente con click incauti navigando su siti Internet di discutibile serietà. Non sarebbe la prima volta che un solo virus informatico porti a perdite per decine di milioni di euro a danno di cittadini, a seguito di attacchi hacker scagliati dall'Italia stessa o da altre nazioni, coinvolgendo così decine di migliaia di utenti.

Il primo consiglio che si può dare per evitare spiacevoli episodi nei termini suddetti è quello di non fornire mai a nessuno le password d'accesso ai siti Internet delle banche e, in particolare, ai servizi di consultazione conto online e di pagamento online; oggigiorno le banche utilizzano sistemi di autenticazione avanzati che si basano anche su password temporanee, OTP, ossia password usa e getta generate da apposite chiavette elettroniche o da altri dispositivi assimilabili, e che fanno uso di matrici di codici di accesso, ma resta sempre fondamentale non dare a terzi la password di base, che continua ad avere la sua importanza.

Attenzione quindi ad email di spam che invitano a cliccare su link relativi a siti Web che non si conoscono o che sono scritti in modo quasi identico a siti famosi, con ad esempio una sola lettera diversa nel nome, siti che, di solito, sono stranieri ed hanno nomi improbabili, ma che a volte sono particolarmente insidiosi perché molto somiglianti a siti di una certa popolarità. Nel caso in cui si sospettasse un tentativo di truffa, la polizia postale potrebbe essere di grande aiuto per dirimere dubbi e porre un freno a queste pratiche illecite.

Un altro consiglio è quello di tenere il proprio computer sempre in ordine, con un buon antivirus ed un buon firewall installati e sempre aggiornati, e non si può non consigliare di accertarsi sempre di stare operando sul sito ufficiale della banca presso cui si è aperto il conto deposito, perlomeno guardando l'indirizzo Web che compare a video nel browser di navigazione, in alto.

Infine si faccia attenzione all'SMS Phishing, in grado di compromettere il corretto accesso al proprio conto corrente o conto deposito mediante il servizio di Home banking, un illecito che, ad esempio nella veste di Eurograbber, si basa sulla richiesta al correntista del suo numero di cellulare al fine di aggiornare i sistemi di sicurezza bancari, mentre l'utente, dando seguito a tale richiesta, può involontariamente installare sul suo smartphone un virus in versione mobile, in grado di trasferire denaro dal suo conto ai conti dei malintenzionati.

Torna a Guida ai conti deposito.