Conti deposito di Banche di Credito Cooperativo

Il sistema di Credito Cooperativo è un sistema di banche e imprese con la forma giuridica della società cooperativa, costituito da Banche di Credito Cooperativo (BCC) e Casse Rurali ed Artigiane (CRA), caratterizzate da una presenza territoriale locale molto forte, con l'intento di promuovere lo sviluppo e gli investimenti locali, in special modo con la concessione di mutui, potendo questi Istituti di credito contare su una grande diffusione dei loro sportelli sul territorio in cui sono localizzati. L'opportunità di aprire un conto deposito esiste anche per gli Istituiti del Credito Operativo, con tutti i vantaggi e le caratteristiche dei conti deposito aperti presso le altre banche non facenti parte di questo sistema.

Una differenza tra un conto deposito aperto presso le BCC e un conto deposito aperto presso altre banche, risiede nel diverso fondo di tutela dei depositi che, per le BCC è l'FGD (Fondo di Garanzia dei Depositanti), mentre per le altre banche è il FITD (Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi). L'FGD ha una storia più antica del FITD, avendo avuto origine dal Fondo Centrale di Garanzia delle Casse Rurali ed Artigiane del 1978, mentre il FITD ebbe vita alcuni anni dopo, nel 1987. Entrambi i fondi di tutela, al momento della loro nascita, vedevano partecipazioni volontarie da parte degli Istituti di credito, e presentano oggi le stesse caratteristiche assicurative, ossia, in caso di fallimento della banca presso cui si ha il conto deposito, rimborsano il capitale depositato fino ad un massimo di 100.000 euro per conto e correntista. L'FGD sostituì il vecchio fondo di tutela delle Casse Rurali ed Artigiane e, al momento di introduzione del FITD, non fu da questo soppiantato ma rimase operativo fornendo le stesse garanzie del FITD.



Il Credito Cooperativo, comunque, non è un sistema di banche solo italiano, ma è un sistema di banche presente anche all'estero, ad esempio in Germania, Austria, Francia, Spagna e Paesi Bassi. In Italia è molto diffuso, con oltre 400 BCC e oltre 4000 sportelli, a cui fa affidamento oltre un milione di soci. Si tratta dunque di una realtà molto vasta, da tenere in grande considerazione quando si valuta l'apertura di un conto deposito, e di certo è verosimile trovare proprio in una banca del sistema di Credito Cooperativo una offerta di conto deposito che sia la migliore per il proprio desiderio di investimento, tenendo conto che sono innumerevoli anche le BCC che offrono vantaggiosissimi conti deposito online, oltre ai conti deposito tradizionali e ai conti correnti tradizionali.

Le possibilità di investire in conti deposito sono dunque molto ampie, potendosi ricorrere anche alle Banche di Credito Cooperativo per aprire un tale tipo di conto, da quando queste hanno reso disponibile al pubblico questa possibilità di risparmio e investimento, che è tra le migliori sul mercato non solo per gli elevati tassi di interesse ottenibili sul denaro depositato, ma anche per l'assenza totale, o quasi, di costi legati all'apertura e alla gestione del conto, ma anche e soprattutto per l'alto livello di sicurezza e affidabilità di un prodotto finanziario con una copertura assicurativa per qualunque rischio, anche quello dell'improbabile fallimento della banca presso cui si è aperto il conto.

Torna a Guida ai conti deposito.