Come scegliere un conto deposito

Per scegliere il migliore conto deposito per le proprie esigenze si devono considerare diversi parametri, fra i quali il tasso di interesse rappresenta solo uno dei punti di attenzione. Infatti, banche diverse offrono condizioni diverse non solo in termini di tasso di interesse annuo applicato, ma anche in termini di spese varie, quali le spese di apertura e di chiusura del conto, le spese per il versamento ed il prelievo di fondi e le spese per il rendiconto.

Ma le differenze tra i conti deposito offerti da diverse banche non si limitano solo alla diversa entità delle spese da sostenere, ma riguardano anche altri fattori quali il meccanismo di capitalizzazione degli interessi e le date di accredito e di disponibilità degli assegni e dei bonifici sul conto. Vi sono infatti tanti altri parametri da valutare quando si deve intraprendere la scelta giusta, quali i tempi di accredito degli interessi, importanti in quanto gli interessi a loro volta generano interessi, essendoci la capitalizzazione degli interessi che innesca un meccanismo di guadagni sui guadagni, e quindi è importante che essi siano accreditati il prima possibile sul conto. Alcune banche accreditano gli interessi in anticipo, altre mensilmente e altre ancora trimestralmente.

Quando si decide di aprire un conto deposito, bisogna quindi fare attenzione alle condizioni praticate da ciascuna banca che si intende vagliare, tenendo a mente il fatto che alcune condizioni potrebbero avere carattere temporaneo, ossia potrebbero essere valide solo per un breve periodo di tempo iniziale, per poi essere soppiantate da condizioni meno vantaggiose, a volte estremamente meno vantaggiose. Leggere attentamente i prospetti informativi di apertura conto è quindi un buon sussidio per evitare di prendere cantonate da banche che potrebbero sponsorizzare l'apertua di un conto deposito presso di esse a condizioni particolarmente vantaggiose in un breve periodo per attirare clienti. Attenzione quindi ai bonus di ingresso che consistono, ad esempio, nell'offerta di tassi di interesse molto allettanti soltanto per un periodo di pochi mesi.



Riguardo ai tassi di interesse offerti, una buona idea da seguire per aprire un conto deposito remunerativo è quella di fare un giro per le varie banche informandosi a dovere sia sull'entità dei tassi di interesse offerti, sia sulle condizioni a cui vengono elargiti. Una volta in possesso di questi dati, si dovrà capire non solo quale banca offra i tassi di interesse più alti, ma anche quale banca offra tassi di interesse alti per un periodo di tempo prolungato; potrebbe cioè convenire scegliere un conto deposito presso una banca che offre un tasso di interesse non altissimo ma per un lungo periodo di tempo, in modo da massimizzare i ricavi con l'aumentare del periodo di giacenza. Si deve considerare, inoltre, che alcune banche praticano tassi di interesse variabili in funzione del capitale depositato così che, più il capitale in deposito è consistente, più gli interessi saranno maggiori, quindi si faccia attenzione anche all'entità degli interessi applicati a seconda del capitale a disposizione.

Una idea che si può attuare per ottenere i massimi tassi di interesse per il maggior periodo possibile è quella di sfruttare il conto deposito presso una certa banca fintanto che sono attive le promozioni iniziali, dopo di che cambiare banca vincolando nuovamente i soldi al tasso di interesse promozionale. E' però importante sottolineare che il tasso di interesse non dovrebbe mai essere l'unico fattore da considerare quando si depositano fondi presso il conto deposito di una certa banca; bisognerebbe considerare tutte le condizioni offerte dalla banca nel loro insieme, in modo da sfruttare al meglio tutti i benefici che una banca può offrire. Non si trascuri, quindi, l'affidabilità di una banca, la professionalità degli impiegati con cui si dovrà interagire per la gestione del proprio conto, e tutti gli altri aspetti che potrebbero fare la differenza tra un conto e un altro al di là dei soli tassi di interesse offerti.

Torna a Guida ai conti deposito.