Liquidazione degli interessi dei conti deposito

Chi apre un conto deposito, di norma lo fa principalmente per trarne profitto sfruttandolo come un comodo investimento a basso costo, se non proprio a costo nullo, e con la consapevolezza di ottenere dei rendimenti certi grazie a tassi di interesse noti in anticipo, senza quindi brutte sorprese riguardo ai guadagni e all'integrità del capitale da investire.

La liquidazione degli interessi è l'azione con cui la banca accredita gli interessi sul conto deposito stesso o sul conto corrente del cliente associato al conto deposito, ossia sul conto corrente di appoggio adibito a comunicare con il conto deposito. Con la liquidazione degli interessi, pertanto, questi diventano disponibili per il cliente, con la possibilità di reinvestirli o di utilizzarli in altro modo. Quando gli interessi vengono reinvestiti per generare altri interessi con lo stesso strumento finanziario si parla di capitalizzazione degli interessi, un'opportunità da tenere sicuramente in considerazione.



La liquidazione degli interessi può avvenire a diverse scadenze, sulla base di una frequenza che varia in funzione della politica della banca presso cui si è aperto il conto deposito. In genere gli interessi vengono accreditati sui conti dei clienti alla scadenza del vincolo temporale, se si tratta di un conto deposito vincolato, ma possono essere anche liquidati con frequenza annuale, semestrale o trimestrale. Vi sono poi anche i casi, più rari, in cui gli interessi vengono liquidati in anticipo, ad esempio con scadenza trimestrale, come avviene per il conto deposito CheBanca!, un ottimo incentivo ad aprire un siffatto conto che consente di usufruire in anticipo degli interessi.

Sfruttando il meccanismo della capitalizzazione degli interessi, si possono ottenere rendimenti che ad una analisi superficiale non sembrava potessero spettare; a parità di tempo di vincolo di un certo capitale, se gli interessi vengono liquidati in anticipo c'è la possibilità di investirli, anche presso un'altra banca per diversificare l'investimento riducendone i rischi, ottenendo un rendimento complessivo che, se valutato al momento opportuno, può far pendere l'ago della bilancia verso una banca piuttosto che un'altra che, magari, sulla carta sembra offrire di più ma che, liquidando gli interessi alla scadenza del vincolo, a conti fatti offre di meno venendo meno il meccanismo del reinvestimento.

I pochi conti correnti che oggi riconoscono interessi a favore dei loro clienti, quale ad esempio il conto Hello! Money di Hello bank!, prevedono una liquidazione degli interessi, in genere, con frequenza trimestrale.

Torna a Guida ai conti deposito.