Conti deposito liberi

Quello nei conti deposito rappresenta uno dei migliori investimenti fattibili anche da chi non conosce a fondo il tema bancario e quello finanziario, poiché richiede conoscenze minime sull'argomento ed un tempo attuativo piuttosto ridotto, a cominciare da quello necessario per una richiesta di apertura, stimabile in poche decine di minuti.

Che ci si rivolga in filiale o che si operi online, i conti deposito liberi costituiscono la più semplice forma di deposito remunerato esistente e possono essere sottoscritti senza troppi pensieri, in particolare senza preoccuparsi di incombenze che potrebbero capitare nel corso del tempo e costringere ad attingere al proprio capitale investito.

Generalmente, i conti deposito vincolati, a cui i conti deposito liberi si contrappongono, infatti, consentono sì di guadagnare di più dal proprio capitale, vincolandolo per un certo periodo di tempo, ma prevedono anche un impegno molto superiore da parte del cliente che, per ottenere un buon rendimento, deve privarsi dei suoi soldi per mesi o per anni, attendendo pazientemente la data di scadenza sottoscritta.

La scelta del miglior conto deposito fra le due tipologie deve quindi tenere conto delle circostanze personali, di una stima del tempo in cui ci si può privare del proprio denaro, e non è quindi affatto escluso che un conto deposito libero possa meglio fare al caso proprio; anzi, a volte, gli interessi creditore percepiti con un conto deposito libero possono essere superiori a quelli percepiti con un conto deposito vincolato, sfruttando promozioni in tal senso.



I più grandi vantaggi del sottoscrivere conti deposito liberi risiedono proprio nei periodi promozionali che le banche mettono in atto per accaparrarsi nuovi clienti, che un giorno potrebbero investire in prodotti per esse più remunerativi; può capitare, in tali frangenti, che un certo conto deposito di una certa banca offra, per un breve periodo, un tasso di interesse superiore a quello percepibile con un vincolo, come promozione a tempo limitato.

Per decidere se i conti deposito liberi facciano al caso proprio bisogna mettere sul piatto anche la possibilità di svincolare in anticipo un conto deposito vincolato, operazione che a volte può essere eseguita senza penali, rinunciando semplicemente ai ghiotti interessi pattuiti all'inizio. Chiaramente, con questo ulteriore parametro da anlizzare, le cose si complicano, ma risulta così possibile ottimizzare davvero i propri rendimenti.

Il conto deposito libero può rappresentare un ottimo compromesso, una scelta ben fatta nei casi in cui non si sappia esattamente per quanto tempo i propri soldi non serviranno, che consente di non rinunciare ad interessi che, in genere, sono superiori a quelli offerti dai conti correnti. Rinunciando al contempo agli interessi ottenibili di solito con un vincolo, si potrà dormire sonni tranquilli, senza temere fastidiosi contrattempi che richiedano la disponibilità immediata di denaro.

Un conto deposito non vincolato è lo strumento bancario di investimento più versatile, facile da sottoscrivere e da gestire, utilizzabile al pari di un comune conto corrente, il cui denaro è sempre disponibile; non a caso, spesso, la decisione più difficile è se scegliere un conto deposito libero oppure un conto corrente remunerante le giacenze che, seppure un po' difficile da scovare, è presente nel panorama delle proposte bancarie.

Un po' tutte le banche offrono la possibilità di sottoscrivere un conto deposito libero, che anzi costituisce l'anticamera per un eventuale vincolo; cioè, partendo da un conto deposito libero, caratterizzato da un tasso di interesse di base, si può successivamente sottoscrivere un vincolo ed incrementare così i propri guadagni.

Torna a Guida ai conti deposito.